Ecco come inviare email personalizzate di successo

È importante tenere sotto controllo l’efficacia delle tue campagne: il coinvolgimento dei tuoi clienti potrebbe essere in calo. Per risollevare i tuoi risultati, devi puntare sulla personalizzazione delle tue email: in questo modo potrai comunicare con una voce specifica a ciascuno dei tuoi clienti.

Per massimizzare le vendite, inviare email personalizzate è fondamentale: ti permette di proporre i contenuti giusti al momento giusto. Per scoprire come fare, abbiamo raccolto le migliori indicazioni degli esperti di ActiveCampaign, spianandoti la strada verso l’aumento delle tue vendite.

Scegli ActiveCampaign, il software di marketing usato in tutto il mondo. Provalo ora. Nessuna carta di credito richiesta.

Email di massa e email personalizzate: quali sono le differenze?

Chiocciola arancione su sfondo

L’email di massa riguarda l’invio di campagne promozionali a una grande lista di contatti in un’unica operazione. Per creare una mailing list puoi partire dalla tua base di clienti, lead, abbonati, ecc. i cui indirizzi email sono stati raccolti in un foglio di calcolo attraverso moduli di iscrizione, double opt-in (trattamento dei dati personali e informativa privacy) e altre fonti. 

Le aziende inviano email di massa a centinaia o addirittura migliaia di utenti contemporaneamente per raggiungere un particolare obiettivo, come comunicare informazioni importanti o promuovere un prodotto/servizio. L’email marketing è ancora in auge tra le le tendenze del marketing digitale.

Le email di massa vengono inviate per scopi diversi, come l’invio di inviti, il coinvolgimento di contatti e la cura delle relazioni con i clienti. In base al loro obiettivo, le email di massa sono classificate in quattro tipologie fondamentali.

  1. Email di acquisizione
  2. Email promozionali
  3. Newsletter
  4. Email di retention

È possibile inviare email personalizzate di massa ai contatti del proprio account Gmail. È sufficiente inserire tutti gli indirizzi email nel campo dei destinatari. Poi, puoi scrivere il tuo messaggio e l’oggetto. Una volta completate queste operazioni, è sufficiente cliccare sul pulsante “GMass”. 

Tuttavia, per ottenere risultati migliori dovresti utilizzare una soluzione software dedicata come ActiveCampaign piuttosto che Gmail per l’invio di email di massa.

Tutti gli svantaggi dell’invio di massa in Gmail vengono eliminati quando si utilizza un servizio email dedicato come ActiveCampaign: supporta la migrazione, facilita la segmentazione, consente l’automazione dell’email marketing, permette una gestione efficace dei contatti e fornisce analisi dettagliate.

Come inviare email personalizzate

Nuvola verde su sfondo giallo con tre simboli gialli

Negli ultimi anni, gli strumenti di email marketing hanno permesso una maggiore personalizzazione.

Il modo più semplice per iniziare con le tattiche di personalizzazione è capire come inviare un’email personalizzata di massa, dall’inizio fino al footer.

Dal momento che questi messaggi di posta elettronica saranno inviati a un gran numero di contatti (in genere, l’intera lista di contatti), è bene considerare i vari fattori prima di premere invio. Vediamoli nello specifico.

Gli elementi personalizzabili in una email

La maggior parte dei contenuti di cui fruisci ogni giorno sono in qualche modo personalizzati per te.

I post che Facebook ti “suggerisce” e che provengono da pagine che non segui, gli annunci di Instagram, i post di LinkedIn: tutto ciò che vedi è pensato per te e si basa su diversi elementi. Ad esempio, gli annunci vengono mostrati in base alle tue abitudini su Instagram e Facebook, oltre che alla tua attività online complessiva. Questa include le persone che segui, i siti web che visiti e gli argomenti che ti interessano.

In poche parole, Instagram ti profila: impara quali contenuti ti piacciono e te li propone. È una tipica situazione win-win: a te vengono proposti contenuti che apprezzi e Instagram ottiene tassi di coinvolgimento più elevati e più soldi da parte degli inserzionisti.

In fondo, la personalizzazione è proprio questo: studiare i clienti, imparare le loro abitudini e sfruttare questi dati per fornire loro contenuti/offerte su misura che siano in grado di suscitare il loro interesse.

La personalizzazione nell’email marketing si riferisce al processo di indirizzare le campagne email personalizzate a gruppi di clienti specifici coinvolgendoli con un messaggio personalizzato. Può trattarsi di qualsiasi cosa, dal nome dell’utente nell’oggetto a un’offerta su una serie specifica di prodotti che il cliente ha acquistato in passato o il suggerimento di visitare un negozio vicino alla sua posizione.

I contenuti personalizzati non garantiscono il successo, ma offrono maggiori possibilità di aumentare il conversion rate. Ad esempio, è stato dimostrato che la personalizzazione delle email aumenta i tassi di apertura e di clic.

Ora che sappiamo cos’è la personalizzazione delle email, vediamo alcune strategie di personalizzazione su cui iniziare a lavorare.

Sei sicuro che questa email interessi a tutti i tuoi contatti?

Un metodo comune per creare email rilevanti è quello di includere il nome del destinatario nell’oggetto o all’inizio dell’email, ma al giorno d’oggi questo è quasi scontato. Per andare oltre, dovresti porti due domande:

Se l’email ha lo scopo di condividere informazioni con gli iscritti, i tuoi contatti hanno mostrato interesse per l’argomento?

Se l’email ha lo scopo di vendere o ispirare un’azione, le persone che ricevono l’email sono pronte ad acquistare o a intraprendere questa azione?

L’invio di email di massa e l’utilizzo dei dati personali per la futura personalizzazione sono un ottimo inizio. 

Scegli il tempismo perfetto

Se vuoi sapere come personalizzare le email di massa, chiediti se ogni persona che riceve il tuo messaggio si trova nella fase giusta del ciclo di vita del cliente per intraprendere una determinata azione.

Ponendoti queste domande, le email verranno aperte più spesso (e tu guadagnerai di più).

Grazie alla personalizzazione del marketing via email, puoi ridurre drasticamente i costi, e aumentare la retention dei clienti.

8 modi per personalizzare l’email marketing (oltre l’invio di email di massa)

modi per personalizzare email

L’inserimento di tag di personalizzazione nelle email può aumentare il coinvolgimento e migliorare l’esperienza di un contatto con il tuo marchio. Sfruttando le potenzialità di ActiveCampaign, è possibile personalizzare le email con informazioni sul contatto, sull’acquisto o sull’account. 

Una volta inviata l’email al contatto, il tag inserito verrà sostituito da un valore specifico per il destinatario. Quando il contatto riceverà i messaggi email, vedrà le informazioni personalizzate. In caso contrario, perderesti una grande occasione per migliorare il tuo rapporto con il cliente.

Con ActiveCampaign puoi:

  • Personalizzare un’email creata con il Designer di campagne di email marketing
  • Personalizzare un’email HTML
  • Personalizzare un’email di testo semplice

Scopriamo nel dettaglio quali sono gli elementi che puoi personalizzare.

Il nome del destinatario

Incorpora la personalizzazione utilizzando il nome del tuo cliente come prima parola dell’oggetto. Con questo metodo otterrai rapidamente la loro attenzione, evitando che ignorino la tua comunicazione.

Il tuo nome

È possibile personalizzare nome e cognome del mittente e l’indirizzo email delle campagne utilizzando campi personalizzati. Ciò significa che una singola email, con un messaggio e un marchio coerenti, può apparire al destinatario come se fosse inviata da qualcuno che conosce, anziché da un indirizzo generico come sales@example.com.

La posizione geografica

Qualsiasi serie di dati demografici può essere fondamentale per la segmentazione del target: tra questi c’è la posizione geografica. Se hai un locale in un determinato luogo della città, probabilmente vorrai rivolgerti a persone con una residenza nelle vicinanze.

Il genere

Cambiando dinamicamente i prodotti promossi in base al genere degli iscritti, ogni cliente potrà vedere i prodotti più pertinenti e attraenti per invogliarlo all’acquisto.

​​ Copy condizionale

Il copy condizionale consente di indirizzare i messaggi ai contatti in base a specifici campi o tag personalizzati. È possibile utilizzare il contenuto condizionale nelle campagne e nelle email all’interno di un’automazione.

I contenuti condizionali rendono i messaggi più pertinenti e personalizzati per i contatti; il che aiuta a migliorare le prestazioni delle email, a stabilire una connessione più forte con il pubblico e a coltivare le relazioni con gli utenti.

Puoi usarlo per migliorare la pertinenza dei messaggi e personalizzare ulteriormente i contenuti in base agli interessi e al comportamento dei tuoi contatti.

Immagini

La personalizzazione è diventata una tendenza del marketing.

Oggi gli acquirenti non vogliono solo prodotti, ma anche esperienze di acquisto migliori. È questo che li spinge a tornare. Ma c’è una cosa che non ha ricevuto abbastanza attenzione in questa corsa sfrenata alla personalizzazione: le immagini.

La personalizzazione dell’immagine incorpora immagini accattivanti utilizzando foto personalizzate. Questo ti permette di raggiungere i clienti in modo unico, aiutandoti a distinguere i tuoi messaggi dal materiale di marketing che viene spedito regolarmente.

Engagement

Analizzando chi apre le email e quanto spesso lo fa, si può dividere il pubblico in due sezioni: i lead ad alto potenziale e quelli che non vogliono essere disturbati. Puoi scegliere di coinvolgere questi ultimi o di lasciarli in pace per evitare di finire nello spam.

Monitoraggio del sito

Il monitoraggio del sito è una potente funzione che collega i processi di marketing e di vendita all’attività del tuo sito web. Consente ad ActiveCampaign e agli altri software di digital marketing di “vedere” e quindi “reagire” in tempo reale quando i contatti visitano il tuo sito e visualizzano categorie e pagine specifiche.

Personalizza le tue email: 2 passaggi chiave

In questa sezione, vediamo come personalizzare le tue email con i passaggi chiave che faranno di te un bravo marketer. Concentrandoti sui dati dei tuoi lead, potrai sfruttare a tuo vantaggio le informazioni su di loro e riuscire a conquistare nuovi clienti.

1. Ottieni informazioni sui tuoi clienti e contatti

Se vuoi personalizzare il tuo email marketing, devi imparare a conoscere i tuoi contatti. Le informazioni che ti forniscono sono il primo passo per la segmentazione e per capire cosa vogliono vedere nella loro casella di posta.

Puoi iniziare con informazioni di base, come

  • Nome
  • Età
  • Sesso
  • Settore di lavoro
  • Posizione geografica 

Spesso queste informazioni sono facilmente acquisibili attraverso un modulo di iscrizione.

Facendo attenzione ai tempi e alla pertinenza, considera il modulo e la posizione nel ciclo di vita del cliente. Se si sta iscrivendo per ricevere la tua newsletter, potresti non aver bisogno di molto altro oltre al suo indirizzo email.

Ma se vuoi personalizzare immediatamente le email, puoi aggiungere campi supplementari ai moduli.

La personalizzazione comprende anche l’etichettatura dei contatti con informazioni specializzate, quali:

  • Stato del cliente
  • Interessi
  • Dati di tracciamento del sito
  • Acquisti precedenti (perfetto per gli utenti di Shopify e WooCommerce)
  • Coinvolgimento nei contenuti
  • Fonte da cui arriva sul tuo sito

Il modo in cui utilizzi queste informazioni fa la differenza tra una strategia di email marketing di grande successo e una meno funzionale.

2. Usa i dati per inviare messaggi personalizzati

Cosa fare quando si è pronti ad andare oltre le newsletter e le email di massa e iniziare a comunicare in maniera più efficace con i propri abbonati?

La cosa più importante da ricordare è che la personalizzazione, sia essa di base o avanzata, lavora per creare un’esperienza davvero speciale per i tuoi clienti.

Personalizzazione di base

Con la personalizzazione di base, puoi comunicare al contatto cose che già conosce, tra cui:

  • Il loro nome – Spesso utilizzato nella sezione “Destinatario” di un’email, in aggiunta all’oggetto e al corpo dell’email, il nome di un contatto può rendere un’email più personale.
  • Il tuo nome – Indica che le email provengono da una persona specifica di un’azienda.
  • Dove vivono – I contenuti geografici possono essere molto utili per le aziende locali.
  • Il loro genere – Le persone che si identificano come donne si aspettano di ricevere offerte coerenti con il loro genere. Lo stesso vale se si tratta di acquisti per uomini o bambini.

Una volta risolti questi problemi, si può passare a un livello di personalizzazione più specifico.

Personalizzazione intermedia

Puoi approfondire le relazioni e servire meglio i tuoi clienti con un livello di personalizzazione più profondo. Questo include:

  • Copy condizionale – In base a tag specifici, a determinati contatti possono essere mostrati contenuti diversi all’interno di un’email.
  • Immagini – Analogamente al copy condizionale, le immagini possono essere personalizzate in base ai dati di personalizzazione di base. Un ottimo esempio potrebbe essere quello di mostrare la testimonianza di una persona con cui il contatto può relazionarsi maggiormente.
  • Coinvolgimento – Un contatto ha partecipato a un precedente webinar? O magari ha cliccato su una serie di link riguardo a un argomento specifico? Se lo ha fatto, puoi personalizzare il tipo di email che invierai.
  • Tracciamento del sito – Il tracciamento del sito ti consente di monitorare le azioni che i tuoi contatti compiono sul sito web e sulle applicazioni.

Personalizzazione avanzata

I consumatori affermano che la comprensione delle esigenze individuali da parte di un’azienda influenza la loro retention. Come possiamo dimostrare ai contatti e ai clienti che comprendiamo le loro esigenze come individui?

I contenuti predittivi per l’email marketing mirato fanno la differenza.

Immagina di poter includere rapidamente nelle tue email una sezione che presenti contenuti mirati per ogni contatto specifico, una volta che hai i dati in merito.

Utilizzando l’elaborazione del linguaggio per l’email marketing, il contenuto predittivo prende le email già segmentate e ti permette di inviare un messaggio con cinque varianti di contenuto. In base a ciò con cui i tuoi contatti hanno interagito e a ciò da cui sono stati coinvolti, riceveranno email perfette per loro.

Le automazioni possono regalarti nuovi clienti senza che tu muova un dito. Scopri di più su ActiveCampaign.

Comment section