12 esempi di marketing automation da mettere in pratica subito

Automatizzare i processi di marketing può essere la soluzione migliore per aumentare i ricavi del tuo business, ma per farlo occorre scoprire quali sono le opportunità di automazione che fanno al caso tuo. La marketing automation rappresenta il futuro di questo settore: non ti resta che approfondire in questa guida quali strategie utilizzare per anticipare la concorrenza.

ActiveCampaign ha maturato un’esperienza importante in questo campo, aiutando le aziende di tutto il mondo ad automatizzare i loro processi e facendo in modo che ottenessero grandi risultati. Scopri la marketing automation e gli esempi selezionati dal nostro team, corredati dalle migliori ricette di automazione sviluppate dai nostri esperti.

Marketing automation: i principi di base

La marketing automation è il sistema che permette alle aziende, tra le altre cose, di automatizzare le comunicazioni con i clienti attraverso messaggi, email, web e social media. I messaggi vengono inviati automaticamente, secondo una serie di istruzioni chiamate “workflow”, o flussi di lavoro. I flussi possono essere definiti a partire da modelli preimpostati, costruiti su misura da zero, o modificati durante la campagna per ottenere risultati migliori. 

I dipartimenti di marketing e vendite usano le automazioni per le loro campagne di web marketing con l’obiettivo di incrementare le entrate o per massimizzare la loro efficienza. Quando l’automazione è usata efficacemente per gestire i compiti ripetitivi, infatti, i dipendenti sono liberi di dedicarsi a operazioni di ordine superiore, e l’errore umano è ridotto.

Secondo uno studio di riferimento di eMarketer, le aziende nel settore B2C che hanno utilizzato una qualsiasi forma di marketing automation hanno ottenuto tassi di conversione fino al 50%. Le forme di marketing automation considerate sono diverse, dagli autoresponder fino all’email di vendita automatizzata e i programmi di abbandono del carrello.

12 Esempi di Marketing Automation che puoi mettere in pratica con ActiveCampaign

image1 2

L’automazione dei processi di marketing non migliora solo la pipeline di vendita, ma aumenta anche la produttività dei dipendenti. Gli ultimi dati di Nuclear Research, infatti, hanno dimostrato che la produttività del personale aumenta dall’1,5 al 7% quando si usa l’automazione del marketing, e il 95% delle aziende ha ottenuto benefici grazie alla marketing automation. 

Le aziende che automatizzano i processi di digital marketing passano più tempo a vendere anziché cercare clienti, e hanno maggiori probabilità di raggiungere i loro obiettivi annuali di fatturato. Ma come puoi implementare la marketing automation e gli esempi più indicati per la tua organizzazione? In questa sezione potrai scoprire alcune ricette di automazione suggerite dal team di ActiveCampaign.

1. Email marketing automation e messaggi di benvenuto

Sicuramente una delle priorità dei marketer è attrarre lead o potenziali clienti. Grazie alla marketing automation puoi configurare un modulo di iscrizione alla newsletter all’interno del tuo sito e un messaggio di benvenuto che fornisca un’ottima prima impressione.

Attraverso il messaggio di benvenuto puoi presentare il tuo sito web, offrire alcuni contenuti di valore (come una guida o un ebook), raccomandare prodotti del tuo negozio online, oppure offrire uno sconto che invogli l’utente a effettuare il suo primo acquisto. Ovviamente, una volta impostata l’email di benvenuto per la prima volta, non sarà necessario reimpostarla, ma continuerà a essere inviata automaticamente, a tempo indeterminato, al tuo primo contatto così come al millesimo.

Esplora la nostra ricetta sui messaggi di benvenuto. Nessuna carta di credito, installazione immediata.

Messaggi di benvenuto per gli e-commerce

La prima impressione è fondamentale quando si tratta di far crescere il tuo business, ma non basta: c’è bisogno anche di rimanere in primo piano per i nuovi contatti, in modo da costruire una relazione con loro.

Una serie di email di benvenuto è parte essenziale di qualsiasi strategia di email marketing, in particolare se hai un e-commerce. Il momento in cui un nuovo contatto si iscrive alla tua mailing list è importante perché, attraverso l’iscrizione, sta esprimendo il desiderio di comunicare con te e di acquistare i tuoi prodotti. Non puoi sprecare il momento giusto o la tua relazione con questo nuovo contatto, trascurandolo.

Quando il cliente ha completato il suo primo acquisto, per impressionarlo e farlo tornare di nuovo nel tuo negozio, puoi aggiungere coupon dinamici alle tue email automatiche di benvenuto. Questo ti aiuterà a incrementare le vendite.

Le automazioni per gli e-commerce possono incrementare le vendite. Inizia ora.

2. Automazione per carrello abbandonato

Questa automazione ti permetterà di recuperare gli utenti persi nel processo di acquisto: una volta monitorata l’attività dei tuoi clienti, potrai inviare un messaggio a chi ha aggiunto articoli al proprio carrello ma non ha completato l’acquisto. Il tutto in modo automatico. 

Sono numerosi i suggerimenti per ottimizzare le automazioni del carrello abbandonato. Puoi cogliere l’occasione, ad esempio, per offrire sconti a chi non ha completato il pagamento. Non esagerare con i messaggi però: hai la possibilità di inviare diversi follow-up, ma cerca di non diventare troppo fastidioso con l’invio di email.

Migliora i tuoi risultati con la ricetta di automazione per carrello abbandonato

3. Notifica i tuoi utenti di un nuovo post sul blog

Il tuo blog è un asset per costruire una relazione con l’esterno: grazie alle automazioni, puoi utilizzare le notifiche per indirizzare i lettori al tuo portale ogni volta che pubblicherai un nuovo tutorial o un articolo di valore.

Quando un post del blog viene pubblicato, gli abbonati ricevono una notifica sul loro dispositivo. La ricetta di automazione di ActiveCampaign per la notifica di nuovi blog post invia automaticamente una mail per condividere i nuovi contenuti non appena il feed RSS viene aggiornato.

Aumenta il traffico sul tuo blog con ActiveCampaign. Potente e immediato.

4. Aggiudicati clienti abituali con una sequenza win-back

Una campagna email di win-back è costituita da una serie di messaggi volti a riaccendere il coinvolgimento del cliente: inviando sequenze di email agli utenti che non acquistano da un po’, potrai riportarli tra i clienti attivi.

Solo perché un utente ha smesso di comprare non significa che sia un cliente perso. Le campagne email win-back sono strategie di marketing automation importanti per recuperare i clienti e aumentare le entrate, senza tornare all’inizio del funnel. I dati di martech.org sono incoraggianti: ben il 45% di coloro che ricevono una campagna win-back apre il messaggio.

Recupera tutti i clienti inattivi con la ricetta di automazione win-back per ri-coinvolgere i clienti.

5. La marcia in più del servizio clienti: il follow up

L’automazione del follow up ti permette di spostare l’attenzione su altri aspetti importanti del tuo business. Dopo il contatto iniziale, non è semplice lasciare un ricordo nella mente dei destinatari: un software per automatizzare i processi ti permette di aggiungere dei follow up automatici, aiutandoti così ad aumentare la produttività e il coinvolgimento dei clienti.

Ogni follow up rappresenta un nuovo contatto, un messaggio o una risposta a un follow-up precedente: si tratta di un elemento di grande interesse per quanto riguarda le automazioni del servizio clienti.

Il follow up del servizio clienti è fondamentale per soddisfare i clienti. Inizia ora a sfruttarlo!

6. Automazioni per eventi: countdown per webinar

I webinar sono uno strumento perfetto per attrarre nuovi lead ed è importante raggiungere un’elevata partecipazione per poter raccogliere il maggior numero di contatti e presentare i tuoi prodotti a più clienti possibili. Le automazioni “countdown” di ActiveCampaign forniscono un conto alla rovescia che ti permetterà di ottenere un pubblico più ampio nei tuoi seminari online. 

Questo strumento include una serie di funzionalità importanti per organizzare un webinar: email inviate nei giorni precedenti al tuo evento, accesso facilitato e organizzazione di tutti i dettagli. Grazie al webinar, potrai presentare la tua azienda, offrendo contenuti agli utenti registrati sia prima sia dopo il seminario.

Vuoi organizzare un evento online? Ricordalo a tutti, inviando il promemoria per un webinar.

7. Aumenta le vendite con il cross selling

Il cross-selling è un processo che ha l’obiettivo di incoraggiare i clienti ad acquistare prodotti o servizi in aggiunta a ciò che volevano acquistare originariamente. Spesso gli articoli venduti in modo incrociato sono complementari l’uno all’altro, così da fornire ai clienti un motivo in più per acquistarli entrambi.

Le azioni di marketing cross-selling consigliano alla tua lista di contatti dei prodotti complementari rispetto a quelli già acquistati online. Ad esempio, puoi inviare una campagna di cross-selling a un cliente che ha acquistato una chitarra per tentare di convincerlo a comprare anche un amplificatore. 

Si tratta di una tendenza sempre più sfruttata nel settore e-commerce, che rende possibile l’aquisto di un set di prodotti a partire da un singolo oggetto. Ricorda: un cliente già predisposto all’acquisto può regalarti grosse soddisfazioni.

Aumenta le vendite. Il cross-selling per e-commerce è tutto ciò che ti serve.

Se hai un negozio Shopify, ActiveCampaign è la scelta ideale perché sincronizza i dati dei clienti di Shopify e automatizza l’intera elaborazione degli ordini. Raccogli i lead, attiva le email automatiche e imposta il pilota automatico con ActiveCampaign, ma prima di importare questa automazione, configura la tua integrazione Shopify.

Per mettere il turbo ai tuoi affari su Shopify, scegli il cross-selling per Shopify.

8. Non dimenticare le ricorrenze importanti grazie all’automazione

Il compleanno o l’anniversario di un cliente sono dei giorni da tenere d’occhio, e avere una strategia adeguata di lead nurturing può fare la differenza. Inviare una nota o un’offerta speciale ti farà spiccare agli occhi degli acquirenti, dandoti la possibilità di trasformarli in fan entusiasti. 

Grazie ad ActiveCampaign, il modello di offerta per un compleanno/anniversario si attiverà automaticamente in base alla data in cui un nuovo cliente è stato aggiunto ai contatti o in base alla sua data di nascita.

Dimostra quanto sei affezionato ai tuoi clienti con un coupon per il compleanno. Comincia subito, senza spendere nulla.

9. Automazioni per SMS marketing

I team di marketing usano in media otto canali diversi per eseguire la loro strategia di marketing: tra questi ci sono l’email marketing, il sito web, gli SMS, il social media marketing e altro. Tuttavia, nella vendita al dettaglio, la crescita dei lead generati via mobile è uno dei principali trend degli ultimi anni.

Per rimanere un passo avanti è il momento di sbarazzarsi dei compiti manuali e sostituirli con l’automazione: in questo senso, la marketing automation via SMS è salita alla ribalta tra le strategie leader. L’automazione del marketing SMS ti aiuta a rispondere più velocemente, a personalizzare i messaggi e a realizzare più affari. Facile da testare ed eseguire, si tratta di un ottimo modo per immergersi nell’automazione e vedere i risultati velocemente. 

Avere dei messaggi di testo automatici è importante perché permette di coltivare i clienti attraverso il funnel di vendita, migliorando l’esperienza dell’acquirente; inoltre, velocizza la generazione di lead e riduce i tempi del tuo team di marketing, consentendoti di risparmiare anche denaro.

Non perderti i preziosi consigli ActiveCampaign sull’SMS marketing. Sfrutta i messaggi per aumentare le tue vendite.

10. Follow up dopo l’acquisto

La chiave per avere un business redditizio a lungo termine non è avere più clienti, ma avere dei clienti più attivi. Il motivo per cui i clienti attivi sono importanti è semplice: valgono di più dei clienti una tantum. Per aumentare il numero di clienti che ripetono i loro acquisti, è necessario concentrarsi sulla retention.

L’email automation dopo l’acquisto ha l’obiettivo di aumentare il coinvolgimento. Una campagna di follow up dopo l’acquisto serve proprio per coltivare l’acquisto successivo. Le email inviate in questo tipo di campagne includono la richiesta di un feedback sull’esperienza di acquisto, il controllo sui bisogni del cliente o le raccomandazioni di risorse utili per imparare ad usare il prodotto acquistato. Altri elementi possono essere i link alla tua politica di reso, il modulo di contatto o i tuoi contatti sui social network.

Un modo eccellente per incoraggiare i clienti a tornare è ricordare loro che cosa hanno acquistato di recente. Tuttavia, invece di inviare semplicemente un’email con vecchi prodotti, puoi trasformare la data del loro acquisto in un “anniversario”. Si tratta di un ottimo metodo per mostrare che tieni a loro e al fatto che abbiano scelto te. Un altro modo per incoraggiare il ritorno di un cliente una volta che ha completato un acquisto, è offrirgli un’opportunità di risparmio supplementare, con l’obiettivo di trasformarlo in un cliente abituale.

Coltiva i tuoi clienti. ActiveCampaign e il follow up post acquisto sono un’accoppiata perfetta.

11: La base della lead generation: gli incentivi all’iscrizione

Un buon incentivo è fondamentale per motivare le persone a inserire le loro informazioni di contatto su una landing page. Gli incentivi per i lead devono essere allettanti, per spingere i clienti a fornire le loro informazioni di contatto: possono essere una prova gratuita, uno sconto su un prodotto o servizio, ma anche informazioni o report.

Un incentivo deve dimostrare la tua competenza in materia, perché sei l’azienda da cui comprare: mette al centro la qualità dei tuoi prodotti e costruisce la tua credibilità e fiducia, portando a una decisione d’acquisto. 

Coupon, sconti e codici promozionali sono le modalità principali per spingere le persone a condividere le loro informazioni di contatto. Proponendo uno sconto, infatti, si riduce per il potenziale cliente il rischio dell’acquisto.

Il primo passo per incrementare i lead? La ricetta di ActiveCampaign sugli incentivi all’iscrizione.

12. Conosci meglio i tuoi utenti con la categorizzazione automatica

Per conoscere meglio i tuoi clienti, hai bisogno di capire quali sono i loro interessi. La categorizzazione automatica può dunque entrare in gioco per aiutarti a riconoscere i trend. Il tracciamento del sito, ad esempio, ti permetterà di ottenere maggiori informazioni sugli acquirenti e di utilizzarle al meglio.

Grazie a un software di marketing automation, puoi creare un’automazione per identificare gli interessi degli utenti e raggruppare i tuoi contatti in categorie, generando un tag per ciascun contatto in base alle visualizzazioni delle pagine di prodotto sul tuo sito web.

Scopri come attivare la categorizzazione degli utenti. ActiveCampaign lavora al posto tuo.

Traccia il coinvolgimento dei tuoi contatti

Una volta che hai strutturato in modo coerente la tua strategia di marketing, la tua azienda guadagnerà molti contatti, difficili da tracciare e organizzare manualmente. Per questo motivo, le automazioni diventano fondamentali per garantire più immediatezza alle tue attività ripetitive.

ActiveCampaign ti offre la possibilità di impiegare il tuo tempo in attività di marketing più significative e meno ripetitive: la ricetta di automazione “Engagement Tagging”, infatti, ti aiuta a mantenere aggiornato lo stato di coinvolgimento di ogni contatto per tutto il tempo in cui farà parte dei tuoi clienti.

Quando un cliente rientra nell’automazione, gli viene assegnato un tag specifico. I tag ti aiutano a organizzare i tuoi contatti in modo più efficace: quando possiedi informazioni specifiche su un acquirente, infatti, puoi inviare campagne più pertinenti. Si tratta anche di un modo per mantenere il tuo elenco di contatti pulito e aggiornato. 

L’automazione si divide in 2 parti, quindi assicurati di svolgere sia la Parte 1 sia la Parte 2.

Prova ActiveCampaign e la sua la ricetta di automazione sull’Engagement Tagging, senza dimenticare la parte 2.

Comment section